Operas
Arias

Agrippina

George Frideric Handel

Arias (sheet music for voice and piano):

Agrippina (Soprano)

Ho un non sò che nel corL'alma mia frà le tempesteNon hò cor che per armartiOgni vento ch'al porto lo spingaPensieri, voi mi tormentateSe vuoi pace, o volto amatoTu ben degno sei dell' allor

Claudio (Baritone/Bass)

Basta che sol tu chiedaCade il mondo soggiogatoIo di Roma il Giove sonoPur ritorno a rimirarviVieni, oh cara

Giunone (Mezzo/Contralto)

V'accendano le tede i raggi delle stelle

Lesbo (Baritone/Bass)

Allegrezza! Claudio giunge

Narciso (Mezzo/Tenor)

Spererò, poichè mel diceVolo pronto, e lieto il core

Nerone (Soprano)

Coll'ardor del tuo bel corCome nube che fugge dal ventoCon saggio tuo consiglioQual piacer a un cor pietosoQuando invita la donna l'amanteSotto il lauro che hai sul crine

Ottone (Mezzo/Tenor)

Coronato il crin d'alloroLusinghiera mia speranzaPur ch'io ti stringa al senTacerò, pur chè fedeleTi vo' giusta e non pietosaVaghe fonti, che mormorandoVoi che udite il mio lamento

Pallante (Baritone/Bass)

Col raggio placido della speranzaLa mia sorte fortunata

Poppea (Soprano)

Bel piacere e godere fido amorBella pur nel mio dilettoCol peso del tuo amorFà quanto vuoi, li scherni tuoiIngannata una sol voltaSe giunge un dispettoTuo ben è'l trono, io nonVaghe perle, eletti fioriÈ un foco quel d'amore
Vieni oh cara
L'alma mia fra le tempeste
Non ho cor che per armarti
Vaghe perle
Se giunge un dispetto
Sinfonia
Nerone, amato figlio
Con saggio tuo consiglio
Per così grand' impresa
A' cenni tuoi sovrani
La mia sorte fortunata
Or che Pallante è vinto
Umile alle tue piante
Volo pronto e lieto il core
Quanto fà, quanto puole
Qual piacer a un cor pietoso
Amici, al sen vi stringo
Ecco chi presto
Voi, che dell' alta Roma
Il tuo figlio merta sol scettro
Mà qual di liete trombe
Allegrezza! Claudio giunge d'Anzio al porto
Alle tue piante, oh Augusta
Augusta, amo Poppea
Tu ben degno
L'ultimo del gioir
Lusinghiera mia speranza
Otton, Claudio, Nerone
Signora, oh mia Signora
Di lieta nuova, apportator io sono
Perchè in vece di Claudio
È un foco quel d'amore
Mà quì Agrippina viene
Ho un non sò che nel cor
Cieli, quai strani casi
Fà quanto vuoi
Non veggo alcun, Signora
Pur ritorno a rimirarvi
Mà, oh ciel, mesta e confusa
Che mai farò?
Signor, presto fuggiamo
E quando mai
Pur al fin si riandò
Oh mia liberatrice
Non hò cor che per amarti
Se Ottone m'ingannò
Vaghe fonti
Voi che udite
Ogni vento ch'al porto lo spinga
Quando invita la donna l'amanto
Pensieri voi mi tormentate
Dunque noi siam traditi
Coronato il crin
Roma, più ch'il trionfo oggi
Ecco il superbo!
Di timpani e trombe
Nella Britania vinta
Cade il monto
Signor, quanto il mio core
Nulla sperar da me
E tu, Poppea, mio bene
Tuo ben è'l trono
Soccori almen Nerone
Sotto il lauro
Scherzo son del destin
Otton, qual portentoso fulmine è questi?
Bella pur nel mio diletto
Il tormento d'Ottone
Mà quì che veggo
Ti vo' giusta
Di quali ordite trame
Ingannata una sol volta
Pur al fin ti ritrovo
A non pochi perigli mi rendo
Son quì, mia vita
Col peso del tuo amor
Qual bramato piacere
Se ben nemica sorte
Col raggio placido della speranza
Di giunger non dispero
Or è tempo, oh Narciso
Spererò poichè mel dice
Per dar la pace al core
A vagheggiar io vengo
Signor, Poppea
Basta che sol tu chieda
Favorevol la sorte
Il caro Otton al precipizio io spinsi
Tacero purche fedèle
Coll ardor del tuo bel cor
Bel piacere e godere
Come nube che fugge
Se vuoi pace
Ah mia Poppea! ti prego
Attendo quì Nerone
Anelante ti reco
Amico ciel, seconda il mio disegno!
Quì non v'è alcun, Signore
Temarario, insolente
Ora Claudio, che dici?
Io di Roma il Giove sono
Pur al fin se n'andò
Oh Ottone, che dici?
Purch'io ti stringa al sen
Piega pur del mio cor
Cotanto osò Poppea?
Evvi donna più empia
Agrippina, Nerone, Otton, Poppea
Adorato mio sposo
Ecco la mia rivale
Lieto il Terbo increspi