Operas
Arias

Orlando

George Frideric Handel

Arias (sheet music for voice and piano):

Angelica (Soprano)

Chi possessore è del mio coreCosì giusta è questa speme, che se l'almaNon potrà dirmi ingrata, nò, perchè restai piagataRitornava al suo bel visoSe fedel vuoi ch'io ti creda, fà che vedaVerdi piante, erbette liete, vago rio

Dorinda (Soprano)

Amor è qual vento, che gira il cervelloHo un certo rossoreOh care parolette, oh dolci sguardi!Quando spieghi i tuoi tormentiSe mi rivolgo al prato

Medoro (Mezzo/Tenor)

Se il cor mai ti dirà, ch'io mi scordi di teVerdi allori, sempre unitoVorrei poterti amar il cor ti vorrei dar

Orlando (Mezzo/Tenor)

Cielo! Se tu il consentiFammi combattere mostri e tifeiGià l'ebro mio ciglio, quel dolce liquoreGià lo stringo, già l'abbraccio con la forzaImagini funesteNon fù già men forte AlcidePer far, mia diletta, per te la vendettaStimulato dalla gloriaVaghe pupille, nò, non piangete, nò

Zoroastro (Baritone/Bass)

Lascia Amor, e siegui MarteSorge infausta una procella, che oscurarTra caligini profonde

Aria: Sorge infausta una procella
Overture
Gieroglifici eterni
Stimulato dalla gloria
Lascia Amore e segui Marte!
Imagini funeste
Non fiu gia men forte Alcide
Quanto diletto avea tra
Itiene pur fremendo anime
Ho un certo rossore
M'hai vinto al fin
Ritornava al suo bel viso
E il mio cor da me diviso
Chi possessore e del mio core
Ecco Dorinda n? sfugirla
Se il cor mai ti dira
Povera mel Ben vedo
O care parolette
Noti a me sono i tuoi fatali
Se fedel vuoi ch'io ti creda
T'ubbidiro crudele
Fammi combattere
Angelica deh lascia
O Angelica O Medoro
Consolatio bella
Quando spieghi i tuoi tormenti
Perché gentil Dorinda
Se mi rivolgo al prato
E questa la mercede
Cielo se tu il consenti
A qual rischio vi espone
Tra caligini profonde
Da queste amiche piante
Verdi allori sempre unito
Dopo tanti perigli
Non potra dirmi ingrata
Dove guidate Furie
Tutto a poter partire
Verdi piante erbette liete
Ah! perfide qui seil
Ah! stigie larve
Gia latra Cerbero
Vaghe pupille non piangete no
Intermezzo 3
Di Dorinda alle mura
Vorrei poterti amar
Piu obbligatagli sono
Pur ti trovo o mio bene
Unisca amor in noi
Gio la stringo
Di Dorinda all'albergo
Cosi giusta e questa speme
Se corrisposto un core
Amor e qual vento
Impari ognun da Orlanda
Sorge infausta una procella
Dorinda e perché piangi
Finche prendi ancora il sangue
Vieni vanne precipitando
Gia per la man d'Orlando
Gia l'ebro mio ciglio
Ecco il tempo prefisso
Dormo ancora o son desto
Per far mia diletta
Orlando si mora
Trionfa ogg'l mio cor