Operas
Arias

Ottone

George Frideric Handel

Arias (sheet music for voice and piano):

Adelberto (Mezzo/Tenor)

Bel labbro, formato per farmi beatoCara, tu nel mio pettoD'inalzar i flutti al ciel fia che cessiLasci, che nel suo viso, pria che da lei divisoTu puoi straziarmi, puoi tormentarmi

Emireno (Baritone/Bass)

Del minacciar del vento si rideLe profonde vie dell' ondeNò, non temere, oh bella! contentaQual cervetta che cacciata più non sa

Gismonda (Soprano)

Giunt' in porto è la speranzaLa speranza è giunta in portoPensa ad amare, che dal tuo cor amor si chiedePur che regni il figlio amatoTrema, tiranno, ancor dice a ti il fato allorVeni, o figlio, e mi consola, che se il viver

Matilda (Mezzo/Contralto)

Ah! tu non sai, quant' il mio cor sospiraAll' orror d'un duolo eterno il mio amoreDi far le sue vendetteDiresti poi così? O pur mossa a pietàNel suo sangue, e nel tuo piantoPensa, spietata madreVinto è l'Amor da sdegno

Ormonte (Baritone/Bass)

T'appresta forse amore sol gioje e sol piacer

Ottone (Mezzo/Tenor)

Cervo altier, poiche prostròDeh! non dir, che molle amanteDell' onda a i fieri moti sottratto in portoDopo l'orrore d'un Ciel turbato più vagoDove sei? dolce mia vita! senza te dovròIo sperai trovar riposoNon a tempre per colpi si fieriRitorna, o dolce amore, conforta questo senTanti affanni ho nel core, ch'il doloreUn disprezzato affetto, un misero sospetto

Teofane (Soprano)

Affanni del pensier, un sol momentoAlla fama, dimmi il vero, troppe fèBenchè mi sia crudele, benchè infedelDir li potessi vedi, crudeleFalsa imagine, m'ingannastiGode l'alma consolata quella calmaS'io dir potessi al mio crudeleSpera si mi dice il coreTra queste care ombre gradite
Viens mon fils aim?