Arias
Duos...
Operas
Cantatas
Composers

Duet: Or che Seneca e morto 2

Composer: Monteverdi Claudio

Opera: L'incoronazione di Poppea

Role: Poppea (Soprano)

Role: Arnalta (Tenor/Contralto)

Sorry, but we don't have yet separate score for this part, but you can download complete score of this opera and manually find what you are looking for.

Vocal score

"L'incoronazione di Poppea" PDF 4Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 5Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 5Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 7Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 7Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 8Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 12Mb

SCENA X
Si muta la scena nel giardino di Poppea.
Poppea, Arnalta.
Poppea godendo della morte di Seneca perturbatore
delle sue grandezze prega Amor
che prosperi le sue fortune,
e promette ad Arnalta sua nutrice continuato affetto,
ed'essendo colta dal sonno
se fa adagiar riposo nel giardino,
dove da Arnalta con nanna soave vien addormetata.

POPPEA
Or che Seneca è morto,
Amor ricorro a te,
Guida mia speme in porto,
Fammi sposa al mio re.

ARNALTA
Pur sempre sulle nozze
Canzoneggiando vai.

POPPEA
Ad altro, Arnalta mia, non penso mai.

ARNALTA
Il più inquieto affetto
È la pazza ambizione;
Ma se arrivi agli scettri, e alle corone,
Non ti scordar di me,
Tiemmi appresso di te,
Né ti fidar giammai di cortigiani,
Perché in due cose sole
Giove è reso impotente:
Ei non può far che in Cielo entri la morte,
Né che la fede mai si trovi in corte.

POPPEA
Non dubitar, che meco
Sarai sempre la stessa,
E non fia mai che sia
Altra che tu la secretaria mia.
Amor, ricorro a te,
Guida mia speme in porto,
Fammi sposa...
Par che'l sonno m'alletti
A chiuder gl'occhi alla quiete in grembo.
Qui nel giardin, o Arnalta,
Fammi apprestar del riposare il modo,
Ch'alla fresc'aria addormentarmi godo.

ARNALTA
Udiste, ancelle, olà !

POPPEA
Se mi trasporta il sonno
Oltre gli spazi usati,
A risvegliar mi vieni,
Né conceder l'ingresso nel giardino
Fuor ch'a Drusilla, o ad altre confidenti.

ARNALTA
Adagiati, Poppea,
Acquietati, anima mia:
Sarai ben custodita.
Oblivion soave
I dolci sentimenti
In te, figlia, addormenti.
Posatevi occhi ladri,
Aperti deh che fate,
Se chiusi anco rubate ?
Poppea, rimanti in pace;
Luci care e gradite,
Dormite omai dormite.
Amanti vagheggiat'
Il miracolo novo:
È luminoso il dì, sì come suole,
E pur vedete, addormentato il sole.