Arias
Duos...
Operas
Cantatas
Composers

Duet: Tu che dagl'avi miei

Composer: Monteverdi Claudio

Opera: L'incoronazione di Poppea

Role: Ottone (Mezzo)

Sorry, but we don't have yet separate score for this part, but you can download complete score of this opera and manually find what you are looking for.

Vocal score

"L'incoronazione di Poppea" PDF 4Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 5Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 5Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 7Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 7Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 8Mb "L'incoronazione di Poppea" PDF 12Mb

SCENA VII
Ottavia, Ottone.
Ottavia imperatrice comanda ad Ottone,
che uccida Poppea sotto pena della sua indignazione,
e che per sua salvezza si ponga in abito femminile,
Ottone tutto si contrista e parte confuso.

OTTAVIA
Tu che dagli avi miei
Avesti le grandezze,
Se memoria conservi
De' benefici avuti, or dammi aita.

OTTONE
Maestade, che prega
È destin che necessita: son pronto
Ad ubbidirti, o regina,
Quando anco bisognasse
Sacrificare a te la mia ruina.

OTTAVIA
Voglio che la tua spada
Scriva gl'obblighi miei
Col sangue di Poppea; vuo' che l'uccida.

OTTONE
Che uccida chi ?
Chi ?

OTTAVIA
Poppea.

OTTONE
Che uccida, che uccida chi ?

OTTAVIA
Poppea.

OTTONE
Poppea ? Poppea ?
Che uccida Poppea ?

OTTAVIA
Poppea, Poppea, perché ?
Dunque ricusi
Quel che già promettesti ?

OTTONE
Io ciò promisi ?
Urbanità di complimento umile,
Modestia di parole costumate,
A che pena mortal mi condannate !

OTTAVIA
Che discorri fra te ?

OTTONE
Discorro il modo
Più cauto, e più sicuro
D'una impresa sì grande.
O Ciel, o dei,
In questo punto orrendo
Ritoglietemi i giorni, e i spirti miei.

OTTAVIA
Che mormori ?

OTTONE
Fo voti alla Fortuna,
Che mi doni attitudine a servirti.

OTTAVIA
E perché l'opra tua
Quanto più presta fia tanto più cara,
Precipita gl'indugi.

OTTONE
Sì tosto ho da morir ?

OTTAVIA
Ma che frequenti
Soliloqui son questi ?
Ti protesta
L'imperial mio sdegno,
Che se non vai veloce al maggior segno,
Pagherai la pigrizia con la testa.

OTTONE
Se Neron lo saprà ?

OTTAVIA
Cangia vestiti.
Abito muliebre ti ricopra,
E con frode opportuna
Sagace esecutor t'accingi all'opra.

OTTONE
Dammi tempo, dammi tempo, ond'io possa
Inferocir i sentimenti miei,
Disumanare il core...

OTTAVIA
Precipita gl'indugi.

OTTONE
Dammi tempo, dammi tempo, ond'io possa
Imbarbarir la mano;
Assuefar non posso in un momento
Il genio innamorato
Nell'arti del carnefice spietato.

OTTAVIA
Se tu non m'ubbidisci,
T'accuserò a Nerone,
Ch'abbi voluto usarmi
Violenze inoneste,
E farò sì, che ti si stancheranno intorno
Il tormento, e la morte in questo giorno.

OTTONE
Ad ubbedirti, imperatrice, io vado.
O Ciel,
O dei,
In questo punto orrendo
Ritoglietemi i giorni e i spirti miei.

OTTAVIA
Vattene, vattene pure; la vendetta è un cibo,
Che col sangue inimico si condisce.
Della spenta Poppea su'l monumento
Quasi a felice mensa
Prenderò così nobile alimento.
Mora, mora la rea,
Mora, mora Poppea,
Già, già la punta del coltel la svena
Scellerata, scellerata Poppea
Verrà teco in sepolcro ogni mia pena,
Risanarà il mio duolo,
Del tuo sangue odiato un sorso solo;
Gioirò vendicata,
Nascerà il mio seren da la tua morte.
E uccisa te, o malnata,
Non sarà più tiranno il mio consorte !
E tornerà giocondo
Il popolo, il senato e Roma, e' l mondo.