Arias
Duos...
Operas
Cantatas
Composers

Finisci il vaticinio

Composer: Verdi Giuseppe

Opera: Un ballo in maschera

Role: Riccardo (Tenor)

Role: Renato (Baritone)

Role: Oscar (Soprano)

Role: Ulrica (Mezzo)

Role: Silvano (Bass)

Role: Samuel (Bass)

Role: Tom (Bass)

Sorry, but we don't have yet separate score for this part, but you can download complete score of this opera and manually find what you are looking for.

Vocal score

"Un ballo in maschera" PDF 3Mb "Un ballo in maschera" PDF 3Mb "Un ballo in maschera" PDF 4Mb "Un ballo in maschera" PDF 4Mb "Un ballo in maschera" PDF 4Mb "Un ballo in maschera" PDF 7Mb "Un ballo in maschera" PDF 12Mb "Un ballo in maschera" PDF 14Mb "Un ballo in maschera" PDF 15Mb "Un ballo in maschera" PDF 17Mb "Un ballo in maschera" PDF 18Mb "Un ballo in maschera" PDF 24Mb "Un ballo in maschera" PDF 55Mb "Un ballo in maschera" PDF 57Mb

Full scores

"Un ballo in maschera" PDF 20Mb "Un ballo in maschera" PDF 26Mb "Un ballo in maschera" PDF 35Mb
Riccardo
Finisici 'l vaticinio.
Di', chi fia dunque l'uccisor?

Ulrica
Chi primo
Tua man quest'oggi stringerà.

Riccardo
Bennissimo.
[poi offrendo la destra a' circostanti che non osano toccare]
Qual è di voi, che provi
L'oracolo bugiardo?...
Nessuno!
Scena XI
Renato all'entrata, e detti.

Riccardo [accorrendo a lui]
Eccolo.
[e unisce la sua alla destra dell'amico]

Tutti
Desso!

Samuel [ai suoi]
Respiro - il caso ne salvò.

Tutti [contro Ulrica]
L'oracolo
Mentiva.

Riccardo
Sì: perchè la man ch'io stringo
È del più fido amico mio...

Renato
Riccardo!

Ulrica [ravvisando il governatore]
Il Conte!...

Riccardo [a lei]
Nè, chi fossi il genio tuo
Ti rivelò - nè che voleano al bando
Oggi dannarti.

Ulrica
Me?

Riccardo [gettandole una borsa]
T'acqueta e prendi.

Ulrica
Magnanimo tu se', ma v'ha fra loro
Il traditor: più d'uno
Forse...

Samuel, Tom [a parte]
Gran Dio!

Riccardo
Non più.

Coro [da lontano]
Viva Riccardo!

Tutti
Quai voci?
Scena XII
Silvano dal fondo, ove ristà, vôlto all'aperto, e detti.

Silvano
È lui, ratti movete, è lui:
Il vostro amico e padre.
[Marinai, Uomini e Donne del Popolo s'affollano all'entrata]
Si prostri ognuno: amor, dovere il chiede,
E l'inno suoni della nostra fede.

Coro
O figlio d'Inghilterra,
Amor di questa terra:
Reggi felice, arridano
Gloria e salute a te.

Oscar
Invidïato alloro,
Che vince ogni tesoro,
Alla tua chioma intrecciano
Riconoscenza e fè.

Ulrica
Non crede al proprio fato,
Ma pur morrà piagato;
Sorrise al mio presagio,
Ma nella fossa ha il piè.

Riccardo
E posso alcun sospetto
Alimentar nel petto,
Se mille cuori battono
Per immolarsi a me?

Renato
Ma la sventura è cosa
Pur ne' trionfi ascosa,
Dove il destino ipocrita
Veli una rea mercè.

Samuel, Tom e Seguaci [fra loro]
Vieta ogni moto ostile
Qui la ciurmaglia vile,
Che sta lambendo l'idolo,
E che non sa il perchè.